top of page
Capture d’écran 2022-06-07 à 15_edited.png

LA PRATICA

IMG_1741_edited.png

La pratica proposta in questi incontri si riferisce alla tradizione Shivaita ed allo yoga non duale del kashmir: tradizione formulata e portata in Europa, prima dal maestro Jean Klein e continuata oggi da Eric Baret.

Questo approccio propone di donarsi totalmente all’ascolto del corpo: 

le sensazioni e le emozioni che scaturiscono durante l’ascolto, compongono la sessione di yoga. 

Liberati da una volontà di “riuscire” ad entrare in una postura, la mente si calma e le tensioni si eliminano.

Il risveglio del corpo e delle sue energie sottili, passa attraverso la pratica di movimenti liberi da stereotipi e dall’ascolto del respiro.  

 In questo “lasciare fluire” viene proposta l’esplorazione di movimenti tradizionali quali Asana e Pranayama, in uno spazio di ascolto puramente sensoriale. 

 

Gli Asana o posture del corpo, sono un pretesto per diventare intimi con il proprio funzionamento e con quello che si sente istante per istante. 

Liberati da una volontà di “riuscire” ad entrare in una postura, la mente si calma e le tensioni si eliminano. 

 

I gesti lenti e l’apparente staticità della pratica, favoriscono la presenza nelle posture e si adattano alla morfologia di ognuno, liberando le energie interne.

 

L’osservazione dei meccanismi di difesa, di resistenza e di controllo permettono, a poco a poco di liberarsi da questi condizionamenti e schemi mentali per ritrovare un’apertura nuova al mondo: 

senza più lottare contro, ma vivendo in armonia con quello che si presenta, istante dopo istante.

bottom of page